Cento folletti nel giardino incantato…

Era un giardino davvero grande, pieno di siepi rigogliose e di fiori colorati dal profumo intenso. C’erano bacche rosse che sbucavano da foglioline appuntite e campanelline rosa appese a ramoscelli esili e dondolanti. L’erba a terra era verde e tenera e i grilli saltellavano indisturbati da un capo all’altro del giardino più bello della città…

Il giardino incantato. Ma quello che non tutti sapevano è che fosse un giardino magico. Uno di quei posti che esistono solo nelle favole, quelli in cui vivono le fate che volano di fiore in fiore… Quelli in cui ai piedi di un albero gigante potresti scovare cento buffi e ridenti folletti vestiti di verde!

Matilde era una bambina molto curiosa. Sempre alla ricerca di qualcosa da scoprire, sempre con lo sguardo pronto a scovare i segreti del mondo… Non sapeva proprio rinunciare al suo vizio di indagare ciò che le appariva misterioso.

Un giorno, mentre tornava a casa dopo la scuola, vide il cancello del giardino incantato socchiuso e non riuscì a resistere alla forte tentazione di entrare. “WOWWWW…!! ” , esclamò alla vista di quel posto tanto meraviglioso… Tutti quei colori l’attraevano come un orso col miele e, mentre continuava a volteggiare tra i fiori e la natura con la testa che le girava, cadde sfinita sul prato morbido come un tappeto di velluto. Provava la stessa sensazione di posare la sua testa sul dorso del suo gatto Tea!

gatto ciabatta
Il gatto Tea

Continuava a guardare il cielo da sdraiata e le sembrava un sogno. Osservava da vicino le farfalle svolazzanti di fiore in fiore con quei musetti che le facevano assomigliare a dei mostriciattoli e quelle ali che le facevano sembrare delle ballerine.

farfalle danzanti

Matilde era sempre più incuriosita da quel mondo che non aveva mai osservato così da vicino e si sentiva rapita dalla bellezza di quel giardino che non aveva mai potuto visitare prima di quel giorno, ma che aveva sempre immaginato…

Si accorse della presenza di una fitta tela, fatta da fili sottili e imprecettibili, che le pendeva proprio davanti al faccino e restò ad osservarla senza muoversi aspettando di conoscere il padrone di casa… Il sole filtrato dalla trama le attraversava la frande frangia rossa di capelli, che le copriva, a tratti, gli occhi. Sembrava che ci fossero delle goccioline appiccicose su tutta la superficie e scrutandola per bene, Matilde si accorse della presenza di piccoli moscerini rinseccoliti tra un giro e l’altro dell’attenta tessitura. Mentre la bambina osservava tanti particolari curiosi, vide sbucare da un lunghissimo filo sottile, che teneva la tela attaccata all’albero, un ragnetto molliccio con la faccia antipatica e impertinente. La piccola fece un sobbalzo che la fece rotolare sotto una bellissima rosa gialla.

Le spine furono la prima cosa a colpire l’attenzione della piccola e inarrestabile curiosona… Erano enormi e molto robuste, di sicuro avrebbero npotuto strapparle la veste se si fosse spinta troppo in là scappando dal ragno antipatico! Quando si soffermò ad ammirare la maestosa rosa dai vellutati petali color ambra, subito Matilde comprese la motivazione di tante guardie appese al lungo gambo, pronte a proteggere la regina del giardino incantato…

rosa gialla

Mentre continuava a guardare quel magnifico paesaggio, fino ad allora sconosciuto ai suoi occhi, non potè far a meno di notare due meravigliosi uccellini volteggiare tra i rami di una grande magnolia piena di grandi fiori biancastri. Con grande invidia, la piccola Matilde pensò che volare doveva essere una sensazione unica…

Il cielo azzurro e il sole più splendente che mai, facevano da cornice a quel giardino fatato e all’apparenza disabitato, ma visitato, in tutti i suoi strati e angoletti più nascosti, da tanti esseri diversi tra loro e unici nel loro genere.

Matilde rovistò nella sua borsa della scuola e tirò fuori una splendida macchina fotografica, un oggetto di obbligo per una bambina così curiosa del mondo e sempre in cerca di avventura. Chiuse un occhio e arricciando il naso lentigginoso cominciò a scattare un susseguirsi di immagini senza pensarci troppo…

Foglie, fiori, sassolini dalle strane forme… Insetti sconosciuti e pezzetti di corteccia ai piedi dei grandi pini secolari. Immortalò qualunque cosa le capitasse davanti all’obbiettivo e, in punta di piedi, attraversò quel regno incontaminato dirigendosi verso il cancello in ferro battuto da cui era entrata di nascosto… Per uscirne, stavolta, con la stessa fugace camminata, ma con un’aria molto soddisfatta che non celava certo la sua momentaneamente sazia curiosità!

Un segreto pieno di magia…

Tornata a casa, la mamma, abituata ai ritardi di Matilde, non le chiese quale attrattiva l’avesse trattenuta stavolta nel tornare da scuola. Dopo mangiato la ragazzina prese la sua FG 700 SUPER ZOOM per ammirare  sullo schermo del suo computer sgangherato, il susseguirsi di scatti rubati a quell’angolo di mondo chiamato GIARDINO INCANTATO… Erano delle foto bellissime! Quelle immagini rendevano perfettamente giustizia ai colori dei papaveri, alle rose lungo il muro di cinta e alle chiome degli alberi alti fino al cielo…

Mentre le sfogliava freneticamente, Matilde tornò indietro col mouse notando un particolare che le fece battere il cuore a rallentatore… Cosa si celava dietro ai funghetti ai piedi del pino? Una strana immagine faceva capolino dai morbidi e carnosi cappelli dei funghetti… Era un folletto!

Ritorno al giardino…

Matilde era incredula e continuava a fissare quella fotografia come una pazza visionaria e, sbigottita, scoprì con i suoi occhi che quel giardino era davvero incantato! Calzò le scarpe da tennis senza neanche slacciarle e andò nella stanza di suo fratello Antonio. Lo afferrò per un braccio per farsi accompagnare con l’auto al giardino incantato. Antonio non riuscì neanche a chiedere cosa stesse succedendo che già i due si trovavano all’ombra del grande pino secolare! Matilde, con le mani sporche di terra, prese a rovistare tra i funghetti e scorse un piccolo esserino. Indossava un cappello appuntito più delle spine della rosa gialla e aveva delle orecchie lunghe come un ago del pino… Li aveva trovati!! Erano i “cento folletti del giardino incantato”, manutentori di un paradiso verde e profumato. Antonio, da principio con aria distaccata, ma poi con la medesima passione, poggiò la sua mano destra sul mucchietto di terra accanto a sua sorella e un paio di esserini gli saltarono sul polso, sorridenti e per nulla spaventati dalla loro presenza.

Poi ne arrivò un altro, e un altro ancora… Per terminare con un esserino vestito di blù con aria un pò titubante, ma favorevole al dialogo. Il nanetto blu guardando i ragazzi scoppiò in una grossa risata e disse loro: “Bene, ora ci avete visto e siete sorpresi dalla nostra presenza, ma questo è il nostro mondo e siete voi gli intrusi, perciò… Se volete continuare a trovarci qui, dovete custodire per sempre il segreto del nostro regno…

L’aquilone bianco…

 

La passeggiata nel bosco era stata davvero una splendida idea, Matilde e Viola avevano camminato lungo il sentiero che portava verso la scogliera più alta dell’isola di Cheope e quando i loro occhi si trovarono di fronte allo strapiombo sentirono le loro anime vibrare come corde di violini… Il mare era blu che più blu non si era mai visto… Le onde laggiù si infrangevano senza sosta contro la parete di roccia alta 50 metri… Il sole sparava frecce calde frutto di un’estate ormai iniziata….

Maty non sapeva come erano arrivate fino a lì, ma era così felice che avrebbe voluto gridarlo al mondo intero! Viola restò per qualche minuto ad ammirare quel paesaggio senza dire una parola… I suoi occhi pieni di meraviglia sembravano produrre sogni ad ogni battito di ciglia… Il mondo visto da lassù era pieno di poesia e loro, soltanto loro, avevano la fortuna di essere lì ad ammirarlo, contemplarne la sua incredibile bellezza…

Mentre guardava l’orizzonte, la piccola pensava che presto sarebbe tornato il suo papà… A breve la barca color cielo del suo papà sarebbe apparsa con la prua in direzione dell’isola…

Viola si ricordò che aveva con se quel pacchetto… Il dono che avevano ricevuto dal signor Mau, un simpatico vecchietto che viveva da dieci anni in una malridotta barca di legno nel porto grande a nord di Cheope.

Si seddero l’una al fianco dell’altra e misero il pacchetto di fronte a loro, Maty lo prese e insieme lo aprirono con la tipica curiosità di due bambine…. Non era un giocattolo, non una palla, ma un meraviglioso aquilone bianco…. La lucentezza dell’aquilone sprigionò tutta la luce del sole ancora alto… Cominciarono a spiegarlo e lo distesero per bene sull’erba… Sistemarono i fili uno ad uno e lo presero, lo alzarono dandolo in pasto al vento tiepido che a tratti spettinava i loro capelli…

La forza della brezza le trainò attraverso i fili che tenevano stretti nelle loro manine, fino a condurle dinnanzi ad una meravigliosa e imponente scala di pietra.

Come per magia, e di magia si trattava proprio(!), si ritrovarono a volteggiare sfiorando ognuno degli infiniti scalini che le stavano portando fino al mare. Matilde era un pò preoccupata, le sue scarpe non toccavano terra e non aveva il controllo del suo corpo che, guidato dal vento, volava verso quel fantastico mare blu.

Viola rideva con la sua ignara spensieratezza e, ad ogni volteggio nell’aria, incitava la sua compagna a lasciarsi andare!

… E intanto scendevano… E scendevano giù per la scogliera a velocità sorprendente. L’aquilone sembrava essere al comando di quel volo e ne sembrava consapevole…. I suoi movimenti tenevano il ritmo di ogni soffio di vento e la sua danza si faceva sempre più armoniosa….

Le farfalle svolazzavano intorno a loro e il profumo dei fiori si confondeva con quello del sale marino… Arrivate giù i loro piedini poggiarono su uno scoglio liscio e piatto ancora bagnato dall’ultima onda … E l’aquilone continuò da solo il suo viaggio nel cielo…. La piccola Viola restò a guardarlo finchè non si confuse con le nuvole all’orizzonte… Matilde, nel frattempo, si accorse di essere vicina al faro e prese la sua amica per mano tirandola a sè… Non appena raggiunsero il faro il signor Mau fece capolino da uno scoglio e loro corsero verso di lui piene di gioia e di entusiasmo! L’anziano porse loro la sua mano e ci videro un filo che portava fino all’aquilone bianco, che stava poggiato a terra poco più in là… Si avvicinarono e quando lo guardarono bene si accorsero che non era un semplice aquilone, ma una lettera che era arrivata dal mare custodita in una bottiglia… Era una lettera dei loro papà che annunciavano il loro ritorno…

Il giorno seguente tutti al villaggio si preparavano per una grande festa…. Il viaggio era terminato…Intanto all’orizzonte la prua avanzava verso di loro tagliando a metà il mare che le andava incontro… La luna era gigante e il cielo si preparava a farsi scuro mentre il sole si raffreddava affogandosi nell’orizzonte…