CERTI SOGNI…

Mamma, tu ce lo hai mai avuto un sogno?

Sì, ce l’ho avuto e si è avverato.

Ho sognato che qualcuno mi chiamava mamma.

Ho sognato di rappresentare questo ruolo nella vita di tutti i giorni e ho avuto paura che fosse troppo difficile per me.

Ho desiderato essere una mamma speciale, una mamma amata e capace di dare amore infinito. Senza chiedere nulla in cambio.

Il mio sogno era ancora privo di un volto, ma era già intenso e forte.

Ho sognato di diventare importante per qualcuno al punto da rappresentare in alcuni momenti l’unica al mondo. Ho sognato di fare il possibile e , a volte, anche l’impossibile per riuscirci!

Ho sognato gli abbracci, le lacrime, i capricci.

Ho sognato il vento che spettinava i miei capelli mentre l’orizzonte si faceva più vicino e tra le mie braccia il sole scaldava la carne della mia carne.

Ho sognato anche un termometro caldo… Fino a notte fonda.

Ho sognato i pannolini e il borotalco profumato sulle mie mani.

Ho sognato il grembiule da abbottonare.

Ho sognato un gelato che gocciava sulla mia gonna.

Ho sognato un filo d’erba, una pozzanghera e una margherita da ammirare.

Ho sognato la stanchezza, le risate e l’allegria.

Ho sognato km di automobiline veloci… Ho sognato bambole a cui tagliare i capelli, pentoline piene di terra e fogli bianchi da colorare.

Ho sognato i braccioli da gonfiare e ho sognato di essere un delfino da cavalcare… Ho sognato la prima maschera per guardare il fondale e i tuffi col naso tappato!

Ho sognato le coccole al tramonto. I baci della buonanotte e le carezze del risveglio!

Ho sognato la neve che cadeva fredda sulle guance e la sciarpa da avvolgere intorno al collo!

Ho sognato i sedili di un aereo per dormire e le mani mai stanche di accarezzare.

Ho sognato gli incubi da scacciare, i denti da lavare. Ho sognato i bagnetti caldi e le stanze da riordinare.

Ho sognato le gambe stanche, gli occhi che si chiudevano… Ho sognato i primi dentini, le parole, i discorsi buffi!

Ho sognato primavere sui prati ed estati con i piedi nella sabbia.

Inverni freddi con gli scarponi da allacciare e autunni arancioni con le foglie da calpestare.

Ho sognato tutto questo ed altro ancora senza saperlo.

E l’ho vissuto, l’ho sentito in ogni piega della mia pelle.

Ho sentito il sudore sulla fronte e il respiro tra i miei capelli.

Ho sentito il cuore che batteva forte.

Ho sognato cuori infranti da aggiustare e parole difficili da spiegare.

Ho sognato sorrisi da far brillare e sogni da supportare…

Ho sognato verità da svelare. Bugie da ingoiare.

Ho sognato l’emozione unica e irripetibile.

Ma sai cosa ho scoperto?

Che certi sogni mentre li vivi credi ti stiano portando verso la realizzazione. Invece la realizzazione è viverli, giorno dopo giorno.

Perché certi sogni sono un viaggio… Sono una sentiero da percorrere, una strada da attraversare.

Certi sogni ti prendono l’anima e poi il corpo e non ti lasciano più nemmeno una fessura libera.

Certi sogni diventano tutta la tua vita e ti chiamano mamma.

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Accetto la Privacy Policy

Copyright Ⓒ 2022 Valentina Maini. All rights reserved. | Powered by Gavilab
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: